Culture-Centred Design e la metafora del giardino

Culture-Centred Design e la metafora del giardino

Per la mia tesi della laurea triennale in Psicologia sulla Human Computer Interaction mi sono imbattuta in alcuni interessanti studi relativi agli aspetti culturali che devono essere considerati nella progettazione di un sito web. In particolare ho trovato molto interessante e creativo l’approccio di Shen e collaboratori (2006), frutto di uno studio congiunto di alcune Università di Taiwan e Londra.

Questi ricercatori del settore User-Interface Design e Human Computer Interaction hanno ideato e sperimentato una nuova interfaccia grafica che prendesse in considerazione una metafora basata su elementi culturali. Infatti oggi la grande metafora che domina il mondo della nostra interattività con la grafica di computer, smartphone e tablet è rappresentata dalla scrivania, o desktop, ideata negli anni 60 e basta sulla cultura americana. Spesso si dimentica tuttavia che alcune culture hanno difficoltà a comprendere tali metafore e icone.

Il nostro spazio di lavoro digitale è organizzato in maniera analoga al mondo parallelo della carta, che trova in scrivanie, cestini, cartelle e fogli il proprio supporto materiale tradizionale. Tuttavia, spesso le metafore possono essere non comprese perfettamente se una determinata cultura umana assegna a determinati simboli e icone valori differenti rispetto a quelli intesi dallo sviluppatore dell’interfaccia. Onde evitare fraintendimenti è quindi utile parlare nello stesso linguaggio dell’utente.
I ricercatori hanno quindi testato i risultati della nuova metafora, in termini di usabilità, interattività e significanza culturale in un gruppo di utenti cinesi.

Il metodo di progettazione web culture centred proposto da Shen e collaboratori prevede:
1) selezione del gruppo target
2) indagine sugli elementi rilevanti di una determinata cultura
3) creazione di un collage visivo, ovvero di una collezione di immagini relative alla cultura target, che includa il linguaggio, gli schemi logici e i tabù sociali. Questo studio è essenziale per rendere comprensibile all’utente simboli e metafore e anticipare il suo comportamento.
4) implementare il design, testarlo e modificarlo in base a test ripetuti con gli utenti.

Nella progettazione dell’interfaccia web si sono considerati alcuni elementi del giardino zen e la loro funzione, per inserirli in un ambiente logico coerente con la cultura dell’utente cinese, con il risultato grafico visibile di seguito:

culture centred design

La scelta della metafora del giardino si pone in questo caso come particolarmente centrata in quanto sia il giardino che il computer sono strumenti di relax, divertimento, ispirazione e creazione, comunicazione e socializzazione.

L’esperimento è stato realizzato qualche anno fa con risultati molti positivi in termini di soddisfazione dell’utente e valutazione di usabilità, e può offrire spunti interessanti per ulteriori ricerche.

Fonti:
Shen S.T., Woolley M., Prior S. (2006).Towards Culture-Centred Design, Interacting with Computers 18, 820–852. DOI:10.1016/j.intcom.2005.11.014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *